Quanto vive una vite?

Quanto vive una vite e come si sviluppa nel corso degli anni la vita della vite? La pianta della vite che produce grappoli adatti alla produzione di vino o vitis vinifera ha origini europee e con molta probabilità caucasiche.

La vitis vinifera non è solamente caratterizzata da un ciclo annuo di produzione: la vita della vite è anche segnata da un naturale ciclo vitale.

Ciclo vitale della vite da vino

L’entrata in produzione di un vigneto non avviene immediatamente: dopo quanti anni dunque la vite produce uva? Con la nascita delle piantine, creato il primo vigneto, le viti non producono uva per i primi tre anni, sviluppandosi e crescendo.

Dopo i primi tre anni inizia la produzione dei grappoli che diviene via via sempre più consistente ed importante e che rimarrà importante fino a circa i 25 anni di età della vite. In questi anni la pianta di vite esprime tutta la sua abbondanza. Ma quanto produce una pianta di vite? In epoche passate dopo i 25 anni le viti venivano sostituite con giovani barbatelle e i vigneti venivano per così dire continuamente rinnovati. All’epoca la durata media di un vigneto era dunque condizionata da questi tempi.

Oggi questa procedura di rinnovamento non è più operata. Con il tempo e l’esperienza l’uomo si è infatti reso conto che con il passare del tempo le viti producono meno grappoli ed uva più concentrata: ciò si traduce in una minor produzione ed una maggiore qualità. Per tale ragione, dal taglio delle vecchie vigne si è passati con il tempo alla valorizzazione e conservazione di quest’ultime.

Vigna vecchia non è più dunque un termine dispregiativo: questo termine viene oggi utilizzato sulle etichette delle bottiglie di vino per indicare che quest’ultimo è stato prodotto con la vinificazione di uve provenienti da vitigni datati e pertanto in grado di produrre un prodotto di elevata qualità. Oltre agli italiani, anche i francesi amano enfatizzare e sottolineare la produzione vitivinicola proveniente da vigne datate: i francesi chiamano le vecchie vigne “vieilles vignes”.

Ovviamente vigna vecchia non significa necessariamente vino buono: tuttavia possiamo dire che si tratta di un dettaglio tecnico in grado di influenzare notevolmente l’impatto gustativo di un prodotto vitivinicolo.