TableBooking









    san-leonardo-nome

    VITIGNO
    Il Carmenère di San Leonardo nasce da uve di carmenère provenienti dalle vigne più antiche della tenuta. Sono vinificate esclusivamente in vasche di cemento da 50 a 80 hl con numerose follature alla mano.

    ETÀ DELLE VIGNE
    Da 35 a 50 anni.

    RESA PER ETTARO
    Da 35-70 q.li/ha.

    VENDEMMIA
    La raccolta viene effettuata in condizione di perfetta maturazione durante il mese di Ottobre.

    VINIFICAZIONE
    Cernita a mano su tappeto, diraspatura e pigiatura soffice delle uve con basso tenore di anidride solforosa. Fermentazione e maturazione delle vinacce per un lungo periodo con ripetute folature giornaliere. Sfecciatura a freddo del mosto per decantazione naturale.

    MATURAZIONE
    Primi mesi di maturazione in tini di cemento, 18-24 mesi in barriques di primo, secondo e terzo passaggio.

    AFFINAMENTO
    In bottiglia per almeno 3 anni, prima della commercializzazione.

    ESAME ORGANOLETTICO
    Di colore rosso rubino intenso con rif lessi violacei. Si esprime con notevole intensità di profumi, dal peperone verde ai piccoli frutti di bosco. Il gusto è pieno, caldo, da giovane leggermente erbaceo con gli anni diventa di grande rotondità e con una persistenza aromatica intensa estremamente lunga. Vino di straordinaria personalità e longevità.

    ABBINAMENTI
    Carni rosse, pollame nobile, arrosti, brasati, stufati di carne, selvaggina e formaggi stagionati.

    TEMPERATURA DI SERVIZIO
    16°C.

    TENUTA ALL’INVECCHIAMENTO
    30 anni e più.

    ALCOOL
    13% vol.

    FORMATI
    I formati disponibili sono Magnum 1,5 l.



    1986

    Piovosità accentuata nella prima e seconda decade di giugno con abbondanti precipitazioni nel periodo della fioritura e post fioritura quando, nell’arco di 20 giorni sono caduti ben 180 mm. di pioggia, la temperatura media più alta è stata di 25° e quella più bassa 12.8°.
    L’estate è stata caratterizzata da un periodo asciutto come tutto l’autunno, è stato quindi possibile eseguire la raccolta nel tardo ottobre. Il periodo pre-vendemmiale è stato caratterizzato da una forte escursione termica tra la notte ed il giorno con una temperatura minima in ottobre di 7° ed una massima di 23°.

    1987

    Ancora un anno piovoso durante la fioritura nel periodo di maggio giugno con 181 mm. di acqua, al quale ha fatto seguito un luglio asciutto specialmente nella III decade. La fine d’agosto è stata caratterizzata da precipitazioni abbondanti mentre settembre è stato asciutto con soli 33 mm. di pioggia. Purtroppo l’ottobre si è rivelato un mese estremamente bagnato con 160 mm. e pochissime ore di sole, solamente 74, quando la media degli ultimi 13 anni è stata di 145 ore.

    1988

    La prima grande annata di San Leonardo, costituita da un accentuata piovosita’ in maggio (118 mm.) seguita da un’estate asciutta con temperature medie che sfiorano i 30° e, a partire dalla 3a decade di luglio e fino al 15 agosto temperature medie di 32°, molto elevate per la zona.
    La raccolta è iniziata, per il Merlot, il 6 di ottobre, per il Franc il 15 ed il Sauvignon il 23.
    Importante è notare la forte escursione termica durante il mese di settembre con minime di 10,5° e massime attorno 26°.

    1989

    Annata piovosissima con 756 mm. d’acqua caduti nel periodo aprile/ottobre. Assieme al 1992 sono state le due annate più piovose dell’ultimo decennio.

    1990

    Un’altra grande annata caratterizzata da pochissima pioggia, solamente 380 mm. di acqua nel periodo aprile/ottobre, contro una media 570 mm.
    Quest’annata è inoltre caratterizzata da moltissime ore di luce (1407) che con il 1985 segnano le due annate più soleggiate dell’ultimo ventennio nella nostra zona.
    Durante la vendemmia, che è terminata il 18 ottobre, c’è stata una normale escursione termica.

    1991

    Purtroppo un’annata molto piovosa nei mesi giugno e luglio, dove le precipitazioni hanno raggiunto 307 mm. seguiti poi da un agosto asciutto con temperature massime nella seconda decade che sfioravano i 39° con una media di 33°.
    Ottobre il mese di raccolta è stato purtroppo caratterizzato nella prima metà da ben 145 mm di pioggia che ha in parte compromesso la qualità.

    1992

    Altra annata piovosissima specialmente durante la raccolta dove si sono concentrate le precipitazioni con 307 mm. d’acqua.
    In aggiunta durante lo stesso periodo sia le pochissime ore di sole (62) ed una scarsa escursione termica non hanno permesso alle uve di avere un’alta qualità.

    1993

    Un’annata nella norma come temperature, eccetto la prima metà di agosto, dove si sono sfiorati i 34° di media, e piogge praticamente assenti (2.4 mm.).
    Da notare che le precipitazioni sono state abbondanti, concentrate in pochissimi giorni, con 194 mm. tra la fine di settembre ed i primi di ottobre, con una raccolta fatta in fase asciutta, per il Merlot il 22 settembre e per il Cabernet dopo il 10 ottobre.

    1994

    L’annata è stata caratterizzata da piogge concentrate proprio durante i momenti salienti dell’evoluzione della vigna (fioritura, invaiatura, maturazione). Infatti su 686 mm. di acqua caduta da aprile a ottobre, ben 454 si sono concentrati fra i mesi di maggio, con 100 mm, giugno con 107 mm. e soprattutto settembre con 246 mm.
    Le temperature sono state nella media, con massime in luglio/agosto di 32°.
    La vendemmia si è svolta senza particolari problemi ed è terminata il 6 di ottobre.

    1995

    L’andamento climatico dell’annata 95’ è stato regolare con bassissime precipitazioni, solamente 404 mm. Il mese più piovoso è stato maggio con ben 140 mm, la metà dei quali concentrati nella seconda decade. Ottobre è stato il mese più asciutto con solo 1.7 mm. di pioggia caduti però a vendemmia avvenuta, ultimata il 18/10. L’ottobre è stato caratterizzato da ben 150 ore di sole, un terzo in più rispetto alla media degli ultimi 20 anni.

    1996

    L’annata 96’ ha avuto una perfetta fioritura con precipitazioni, ore di sole e temperature nella media della stagione.
    L’estate è stata caratterizzata da una piovosità superiore alla media con temperature medie piuttosto basse rispetto agli ultimi anni.
    Un settembre perfetto con precipitazioni di 33 mm, metà rispetto alla media dei 66 mm.
    La vendemmia, terminata il 19 ottobre ha subito maggiori precipitazioni nella seconda decade con escursioni termiche nella media.

    1997

    Il 97’ assieme al 90’ ed al 95’ è l’annata con minori precipitazioni: solo 470 mm per lo più concentrati dalla metà di giugno alla metà di luglio. Le ore di sole sono state nella media, alte nei mesi di settembre ed ottobre. Sempre nello stesso periodo l’escursione termica è stata molto rilevante con ben 17° di differenza fra il giorno e la notte del mese di settembre e 13° nel mese di ottobre.
    La raccolta iniziata il 2 ottobre per il Merlot si è poi protratta sino al 20 ottobre con totale assenza di piogge dalla seconda decade del mese in poi.

    1998

    Il 98’ è stata un’annata con forti precipitazioni, concentrate per lo più nei mesi di settembre ed ottobre. Infatti durante la prima decade di ottobre sono caduti ben 137 mm di acqua.
    Ritroviamo simili condizioni metereologiche nell’annata 92’ anch’essa saltata. Le ore di sole sono state pochissime, 83 in settembre e 25 in ottobre, le più basse dell’ultimo ventennio.

    1999

    Altra annata caratterizzata da poche precipitazioni, in totale 480 mm. da aprile a ottobre; gran parte delle precipitazioni si sono verificate in aprile e nell’ultima decade di agosto, queste ultime però non hanno influito sulla buona maturazione dell’uva.
    I mesi di luglio e agosto sono stati contraddistinti oltre che dalle basse precipitazioni (solo 40 mm. in agosto) anche da temperature molto elevate la cui media di luglio è arrivata a sfiorare i 32°. Il mese di settembre è stato anche caratterizzato da un’elevata escursione termica durante la prima e la seconda decade. La vendemmia, per il Merlot, è iniziata il 27 settembre mentre la raccolta del Cabernet si è protratta fino al 15 ottobre .

    2000

    Annata molto asciutta solamente 229 mm nel periodo tra aprile ed ottobre, di certo l’annata meno piovosa dall’83 ad oggi. Ottimo il periodo della fioritura dove tra maggio e giugno vi sono state precipitazioni per soli 36 mm, cui ha fatto seguito un periodo normale. Settembre, completamente asciutto con precipitazioni quasi nulle ed un’escursione termica tra la notte ed il giorno di 15 e più gradi.
    La raccolta eseguita tra la metà di settembre e i primissimi giorni d’ottobre è avvenuta nella maniera più ottimale possibile.

    2001

    Annata nella norma se si eccettua un periodo abbastanza piovoso durante la prima metà di settembre che comunque non ha influito sulla maturazione. Ottimo il periodo della fioritura, con terza decade di maggio e tutto giugno poco piovosi (solo 25 mm. di pioggia in giugno) e una temperatura media sempre in giugno di circa 20 gradi con umidità del 46%. La vendemmia iniziata il 26 settembre si è conclusa in maniera regolare il 15 ottobre.

    2003

    Anche da noi come in tutta Italia l’annata 2003 è stata caratterizzata oltre che da scarse precipitazioni anche e soprattutto dal gran caldo.
    Basti pensare infatti che le temperature medie di giugno, luglio, agosto, si sono mantenute costantemente sopra i 24 gradi e questo assieme alle poche precipitazioni ha portato ad una maturazione anticipata. La vendemmia perciò è iniziata con qualche giorno di anticipo rispetto al solito, esattamente il 21 settembre per concludersi il 12 ottobre con andamento regolare.

    2004

    Dire che l’annata 2004 non ha riservato sorprese è dire una bugia. Infatti questa annata iniziata con i mesi di maggio e giugno molto piovosi e temperature di poco ma comunque sotto la media stagionale ha avuto un incredibile cambiamento a cominciare dalla metà di luglio. Il tempo si è ristabilito e anche le temperature in netta ripresa hanno permesso di avere un’invaiatura ed una maturazione molto buona. Settembre e ottobre con un’ottima escursione termica tra il giorno e la notte hanno completato un ottimo processo di maturazione. La vendemmia iniziata con il merlot il 5 ottobre si è conclusa il 23 dello stesso mese con la raccolta del Carmenere.

    2005

    Annata iniziata con un Aprile molto piovoso, che comunque non ha influito negativamente sulla fase vegetativa della vigna.
    Maggio e Giugno con poche precipitazioni e temperature medie della terza decade sopra i venticinque gradi, hanno fatto si che l’invaiatura iniziasse con qualche giorno in anticipo (circa 15/20 Luglio). Ad un Agosto abbastanza piovoso, ha fatto seguito un bellissimo Settembre che ci ha permesso di ritardare di qualche giorno la vendemmia. La raccolta iniziata il 19 di Settembre con il Merlot, si è protratta fino al 9 Ottobre con la raccolta del Cabernet.

    2006

    Aprile, Maggio e metà Giugno con poche precipitazioni, hanno permesso all’annata 2006 di iniziare nel migliore dei modi. Infatti l’inizio della fioritura, iniziata già nei primi giorni di Giugno, ha fatto si che l’allegagione avvenisse con il bel tempo.
    La seconda metà di Giugno, è stata purtroppo ricca di pioggia con più di 110 mm, concentrati però negli ultimi giorni del mese. Un Luglio caldo e molto asciutto, ha portato ad un anticipo di invaiatura rispetto alla media delle altre annate.
    Le prime due settimane di Agosto, molto piovose, hanno preceduto un autunno con pochissime precipitazioni. Settembre con giornate splendide e un’accentuata escursione termica, ha permesso un inizio di vendemmia leggermente in anticipo.
    La raccolta iniziata il 25 Settembre con il Merlot, è poi proseguita con il Cabernet nella prima decade di Ottobre. Le operazioni di vendemmia sono avvenute con condizioni di bel tempo, e con accentuata escursione termica tra il giorno e la notte.

    2007

    L’annata 2007 è iniziata con molto anticipo rispetto al solito. Un Aprile asciutto e caldo contemperature medie addirittura sopra i 17 gradi ha anticipato molto l’inizio della vegetazione ed ha portato ad una precoce fioritura avvenuta a metà Maggio.
    I mesi di Giugno e Luglio con pochissima pioggia (circa 60 mm), hanno permesso di arrivare all’invaiatura senza particolari problemi di malattie delle vigne. Nel mese di Agosto è piovuto molto con quasi 200ml d’acqua concentrati però in pochi giorni e in due periodi distinti, inizio e fine mese che non hanno influito più di tanto sulla maturazione. Uve perfette e sane quindi che hanno permesso, cosa che non avveniva da tempo, una raccolta differenziata tra il Merlot ed il Cabernet.
    La vendemmia è durata più di un mese si è conclusa all’inizio di Ottobre, senza particolari problemi.

    2008

    Annata caratterizzata da pochissime piogge, solo 409 mm caduti da Aprile a Ottobre la meta dei quali si sono avuti in maggio e nella terza decade di ottobre. Annata perciò molto asciutta, iniziata presto con fioritura del Merlot già nei ultimi giorni di Maggio.
    Le temperature medie di Luglio, sopra i ventisei gradi, hanno permesso di avere un’inizio d’invaiatura attorno al venti dello stesso mese. Agosto e la prima decade di Settembre sono stati molto asciutti con un ottima escursione termica che ha permesso una perfetta maturazione delle uve ed un ottimo rapporto zucchero/acidità.
    La vendemmia iniziata attorno ai venti di Settembre con la raccolta del Merlot è durata circa otto giorni, è proseguita poi dopo una settimana di sosta con la raccolta prima del Carmenère, poi del Cabernet Franc, per terminare infine il 10 di Ottobre con la raccolta degli ultimi grappoli di Cabernet Sauvignon.



    «San Leonardo has grown steadily in stature to rank among the finest Bordeaux blends of Italy»

    [Burton Anderson Best Italian Wines 2000]

    «Des vins aristocratiques e d’une grande civilità»

    [Revue du vin de France, fevrier 2003]

    «This blockbuster Bordeaux Blend from Trentino is clearly the Sassicaia of the north»

    [James Suckling, Wine Spectator, December 2001 ]


    «È un monumento a Bordeaux in terra Italiana»

    [Guida Duemila Vini AIS Italiana 2006]

    «Un vin d’une grande finesse et élégance»

    [Markus del Monego MW Master of Wine & World Champion Sommelier 2007]

    «Spicca per l’innata eleganza»

    [Spirito di Vino, maggio 2008]


    «Einen der spannendsten Weine des Landes, eine Cuvée nach bordelaiser Vorbild, aber mit viel aristokratischer Finesee und italienischer Eleganza»

    [Richard Grosche, Weinwelt 2009]

    «The San Leonardo estate has been producing some of Italy’s finest Bordeaux style wines for generations»

    [Nicolas Belfrage, World of Fine Wines 2009]

    «È un mito della viticoltura tra le Dolomiti»

    [Guida del Gambero Rosso 2012]


    «I Marchesi Guerrieri Gonzaga producono uno dei più grandi rossi Italiani di taglio bordolese»

    [Guida de l’Espresso 2012]

    «San Leonardo is one of the great wines of Italy»

    [Monica Larner for the Robert Parker The Wine Advocate December 2014]

    «I find it difficult to think of any wine anywhere that has changed as little over the last 30 years as San Leonardo, surely the most successful Bordeaux blend of northern Italy»

    [Jancis Robinson August 2012]